Pagella dei famosi: il reggiseno di Arisa e la multa di Bova

11 Feb

La pagella dei famosi pubblicata oggi su Libero

10) Birdman: surreale film diretto da Alejandro Gonzales Inarritu con Michael Keaton, super candidato agli Oscar con Edward Norton finalmente tornato agli antichi fasti.
9) Daniele Carlotta, giovane stilista di 28 anni che dopo avere vestito Belen ora cura il look di Arisa a Sanremo.
8) Jane Fonda ai Grammy. Era vestita malissimo però resta una diva: durante la serata si è cambiata d’abito tre volte.
7) Il finale della quinta stagione di Downton Abbey. Melenso come pochi. Però spunta l’attore Matthew Goode, e Lady Mary non ne resta indifferente. Finalmente un uomo che la fa trottare.
6) Arisa a Sanremo. Pare che le sue dichiarazioni siano già un cult. Esempio: «Per me da Sanremo è partito tutto. Ieri ho mangiato una banana al porto ricordando quei tempi». Cult anche l’assenza del reggiseno ieri sera.

arisa_reggiseno
5) Catherine Spaak. Ha ricevuto un Tapiro da Striscia per l’abbandono dell’Isola prima ancora dell’inizio del reality. Durante la consegna, la Spaak non ha voluto commentare, mentre il marito si è scagliato su Staffelli e la sua troupe strattonando l’inviato e rompendo una telecamera. L’hanno presa bene, insomma.
4) Madonna ai Grammy Awards. Si presenta all’evento con un vestito, a metà strada tra un torero e una ballerina del Crazy Horse, firmato Givenchy, con apertura sul Lato B. Ricordiamo che la pop star va per i 60 anni.
3) Uma Thurman. Anche lei ha ceduto alla chirurgia: è apparsa alla prima di una nuova serie tv con i connotati completamente cambiati. Se proprio volete rifarvi, almeno fatelo gradualmente.
2) Raoul Bova. L’attore è andato a Sanremo a trovare la sua fidanzata, Rocio, solo una notte, ma ha parcheggiato male la macchina e si è preso una multa.
1) Francesca Cipriani. L’ex pupa si è tatuata il logo «Isola dei famosi» sull’avambraccio ma, nonostante l’astuto stratagemma, è stata scartata dalla produzione. Ora è tatuata e disperata.

Condividi

No comments yet

Leave a Reply