Pagella dei famosi

19 Ott

La Pagella dei famosi oggi su Libero.

10) «Chiamatemi un taxi». Quella pronunciata da Pamela Prati appena cacciata dalla casa del Grande Fratello è (televisivamente) la frase della stagione.
9) Ambra Angiolini in Sette minuti di Michele Placido. A Che tempo che fa hanno mostratato alcune immagini del film, una scena molto drammatica. Fabio Volo, in studio, si è commosso.
8) La sincerità di Maria De Filippi. La conduttrice durante Tu si que vales parla di cosa serve per sfondare nel mondo della tv. «Per fare la conduttrice non ci vuole la laurea, ci vuole molta fortuna e delle raccomandazioni, detta francamente». Applausi.

maria
7) Kate Middleton come i comuni mortali. La Duchessa, per tornare a Londra dopo la visita in Olanda, sceglie un normale volo di linea British Airways. Se lo sapesse suo figlio, il principe George, nemico dei “poveri”…
6) Elisa, la cantante, si presenta in tv da Fabio Fazio con i capelli tinti di grigio sulle punte e la base scura: stava benissimo.

elisa
5) Nemo, ovvero la risposta di Raidue alle Iene. Esordo moscio, solo il 3.8 per cento di share. Enrico Lucci ha lasciato la strada vecchia per la nuova e sembra proprio che abbia fatto male.
4) I vip che al Grande Fratello dicono (e lo fanno proprio tutti): «Qui dentro le emozioni sono amplificate». Cosa vuol dire?
3) Don Mazzi. «Fabrizio Corona va curato, ma non in galera», dice il religioso a Mattino Cinque. Forse non è la persona più titolata per parlare di Corona, visto che l’ha ospitato nella sua comunità e sappiamo come è andata a finire (Corona è stato arrestato di nuovo, la scorsa settimana).
2) Walter Veltroni. Il programma da lui ideato, Dieci cose, prima serata Raiuno, è un flop. Costa 1 milione di euro a puntata ma fa solo il 10.83 di share.
1) La notizia della settimana: Pupo che racconta di essersela fatta addosso durante un concetto a Vibo Valentia. Lo fa nel libro di Franco Bagnasco Il peggio della diretta (Mondadori). Per giunta, aveva i pantaloni bianchi.

Condividi

No comments yet

Leave a Reply