La Pagella dei famosi: la Porta Rossa, Milly Carlucci e il morto “di porno”

8 Mar

10) La serie di Raidue La Porta Rossa. La fiction scritta da Carlo Lucarelli, con Lino Guanciale e Gabriella Passion, complici anche alcune scene di nudo in fascia protetta, triplica gli ascolti della rete.

rossa
9) Sabrina Ferilli irresistibile da Fabio Fazio. Comica quando parla di Veltroni e del Vaticano terrorizzati per il suo strip tease, acuta quando parla di cronaca nera in tv. E bellissima: mancava poco che il conduttore la baciasse in bocca. È al cinema nel nuovo film di Maccio Capatonda.
8) Milly Carlucci. La conduttrice ha ospitato se stessa a Ballando con le stelle. Dopo il forfait di Diego Armando Maradona, è scesa in pista personalmente nel ruolo di ballerina per una notte. Peccato però che Maria De Filippi, al sabato sera, resti imbattibile.
7) La gaffe di Paolo Celata, inviato di Enrico Mentana al TgLa7. Ha chiamato il babbo di Renzi «Tiziano Ferro» invece di «Tiziano Renzi». Risate.
6) Maurizio Crozza sbarca sul Nove e quadruplica gli ascolti del canale. Un trionfo, peccato che l’ imitazione di Maurizio Belpietro ricordi (troppo) quella di Ubaldo Pantani del conduttore Paolo Del Debbio.

crozza
5) Il film Jackie. Un mattone. La moglie di Kennedy risulta addirittura antipatica. Però l’ interpretazione di Natalie Portman era da Oscar.
4) Stefano Bettarini. È stato mollato in tempo record da Dayane Mello, la sua ultima conquista. Sedotto e abbandonato.
3) Il triste teatrino dei De Andrè. A Domenica Live Francesca, la figlia di Cristiano, dice che il padre ha picchiato sua sorella.
2) Per la serie, cosa non si fa per campare. Max Cavallari, del duo Fichi d’ India, in diretta dalla D’ Urso, si sottopone a un intervento di asportazione del grasso. Tra i vari punti toccati, si è fatto fare una «liposcultura del pube», che mira a «ridurre le adiposità nella zona del pene». Horror.
1) Storia tristissima dal Giappone. Un uomo è morto in casa travolto, pare, da sei tonnellate di riviste porno. Il poveraccio è stato trovato sei mesi dopo l’ accaduto.

Condividi

No comments yet

Leave a Reply