La Pagella dei famosi della settimana

21 Set

La Pagella dei famosi oggi su Libero.

10) Il militante di Casapound che durante uno scontro a Roma, nella confusione, ha picchiato un altro militante di Casapound. Un genio.

9) Big Little Lies. La serie Hbo è stata la più premiata agli Oscar della tv americani. Meritatamente: protagoniste eccezionali, una storia molto attuale (la violenza domestica), un finale strepitoso.

8) Il regista Leonardo Pieraccioni. Da incorniciare: “Matteo Renzi ha una marcia in più, peccato che non entra. Grillo ha terza media”.

7) Mara Maionchi. Durante i casting di X Factor su Sky Uno sculaccia una delle band sul palco per l’eccessivo uso delle parole in inglese. “Siamo i The Noiserz, siamo una band di Napoli e suoniamo un genere elettrorock”, hanno detto loro. E Mara: “Mi avete rotto i coglioni”.

6) Lancio dell’Ansa: “Stevie Wonder, chi nega cambiamento clima è cieco”. Testuale.

5) Beppe Grillo sempre educato coi giornalisti: “Vi mangerei per vomitarvi”. Dal comico allo splatter.

4) Luce Caponegro, in arte Selen, indimenticata porno star, è diventata nonna. Una giovanissima nonna: lei ha 50 anni e suo figlio 29enne è diventato padre di una bambina. Fine di un mito erotico.

3) Figuraccia in tv per Roberto Saviano. Lo spettacolo teatrale dedicato a Napoli Sanghenapule, di e con Saviano e Mimmo Borrelli, ha ottenuto in seconda serata su Raitre un misero risultato: 331.000 spettatori pari all’1.91% di share.

2)  Il Ken Umano. Domenica scorso Barbara d’Urso ha ospitato in tv un ragazzotto britannico di origini brasiliane che a furia di lifting è diventato uguale alla bambola Ken, l’amico di Barbie: “Ho fatto 58 operazioni. Sono tutto finto”, ha detto Rodrigo Alves. Con orgoglio.

1)  Andrea Roncato racconta gli anni bui su Spy: “Mi ero trasferito a Roma e mi ero messo a frequentare locali notturni dove si beveva, si pippava e si sballava. In quel famigerato periodo avevo pure messo incinta qualche donna, e ho chiesto a tutte di interrompere la gravidanza”. Sgradevole.

Condividi

No comments yet

Leave a Reply