La Pagella dei famosi: dalla Bruni Tedeschi al Kamasutra sotto le stelle

30 Mar

La Pagella dei famosi di Libero.

10) Valeria Bruni Tedeschi. Ai David di Donatello ride e piange, il suo neuro-discorso per la vittoria come migliore attrice, in cui ha ringraziato la sua «povera psicanalista» e Cesare Pavese, era un mix di genio e follia. Come nel film di Paolo Virzì: La Pazza Gioia è da rivedere.

bruni
9) Il ritorno dell’Edicola di Fiorello su Sky. Caro Rosario, perché non la fai identica anche a Sanremo?
8) Papa Francesco a Milano: paparazzato mentre entra in un bagno chimico, come un comune mortale al concerto di Vasco. Uno di noi.
7) Paolo Bonolis. Non si vergogna a dire che i soldi gli piacciono. Come riporta il Corriere: «Andrebbe gratis a Sanremo come la De Filippi?». «Mai». «Perché solo due anni di contratto con Mediaset?». «Perché se le cose vanno bene posso chiedere un aumento». Onesto.
6) Roberto Poletti, ministro del lavoro: «Mandare curriculum? Il rapporto di lavoro è prima di tutto fiducia, per questo si trova di più giocando a calcetto». Purtroppo è vero.
5) «Se entra un ladro dentro casa mia, sparo». Lo dice Maria Grazia Cucinotta alla Zanzara di Giuseppe Cruciani. Ormai l’ultima moda vip è parlare di furti in casa e giustizia fai-da-te. Una volta per finire sui giornali parlavano delle violenze da piccoli.
4) Alba Parietti a Ballando con le stelle, che forse è meglio chiamare Kamasutra sotto le stelle. Ogni settimana Alba alza l’asticella del tasso erotico. Stavolta ha convinto il notevolissimo ballerino Marcello Nuzio a metterle le mani sul seno. Che genere di danza sia non è dato saperlo, in compenso forse ha fatto rimediare alla Parietti un appuntamento.

ballando2
3) Il dramma di Michele Emiliano, candidato alla segreteria Pd. Manco i suoi figli lo votano. «Non sono mai riuscito a fare votare Pd ai miei figli…», dice, immortalato da Franco Bechis su Youtube.
2) Maurizio Gasparri e Gianfranco Fini. Il primo fotografa il secondo durante le celebrazioni dei Trattati di Roma e lo sbertuccia: «Scambia Montecitorio per Montecarlo». E pensare che i due, un tempo, erano culo e camicia (nera).
1) Marco Bellavia attacca Paola Perego: «Piange lacrime di coccodrillo, ma fu lei nel 2002 a stoppare definitivamente la mia carriera tv», dice uno che all’epoca faceva il valletto di Forum.

Condividi

No comments yet

Leave a Reply