Francesca Senette: mangiati una pizza

19 Giu

A me Francesca Senette è molto simpatica. La trovo una brava giornalista e quando le tolsero il programma del pomeriggio in Rai mi era dispiaciuto: penso che sia meritevole di una trasmissione tutta sua più di tante altre colleghe. Da qualche tempo è meno presente in televisione. Come molti, è molto attiva sui social network, piattaforma in cui posta le sue foto. Alcune di esse mi hanno molto colpita. Francesca appare magra, troppo magra, con addominali scolpiti che ricordano quelli di Anna Tatangelo nel famoso scatto dell’alien nella pancia.

anna2

Screenshot_2014-06-18-09-39-18

Screenshot_2014-06-18-09-39-07

Francesca scrive di essere fiera di aver recuperato la forma a 39 anni dopo due gravidanze. Ha ragione. E’ giusto che ogni donna curi l’aspetto fisico. Ma c’è un limite. Bisognerebbe capire quando lo si travalica. Qualche chilo in più non le starebbe male. A volte si confonde l’essere in forma con l’eccessiva magrezza. Il primo è positivo, la seconda non va bene. E lo dice una che sta facendo da due mesi una dieta.  Come diceva Antonella Clerici, tra l’avere forme più rotonde e la faccia scavata, o il contrario, non ha avuto dubbi: “Tra la faccia e il sedere ho scelto la faccia”. Forsa Francesca, mangiati una pizza. Vedrai che non te ne pentirai.

Condividi

2 Responses to “Francesca Senette: mangiati una pizza”

  1. giorgio giugno 19, 2014 at 1:53 pm #

    gentile Alessandra,
    non credo che Francesca “travalichi” alcunchè, ora se lei è a conoscenza che abbia fatto qualche dieta particolare o altro è un conto e cmq sono sue scelte, in caso contrario non trovo giusto criticare il suo aspetto e se il paragone è con la “rotonda” Clerici per quanto mi riguarda scelgo Francesca per tutta la vita :)
    grazie

    • Nicco giugno 19, 2014 at 10:43 pm #

      In effetti,così magra si è imbruttita molto.
      Le donne,un minimo di curve le devono avere,o comunque essere magre “normali”.

      Ricordo quando lavorava la TG4: stava benissimo.
      E ha un bel viso.
      Ma così ha mortificato il tutto.

      Magari il paragone con la Clerici non è azzeccatissimo dato il tipo di fisicità,ma serve comunque a far capire il forte contrasto tra il modo di concepire l’essere in “forma” tra le due,e quindi attinente.

Leave a Reply